“Il pane di Kobane”: esposizione fotografica di Maria Novella De Luca

27 novembre 2016 di

 MG_6857“Il pane di Kobane” è un progetto di Maria Novella De Luca, giovane fotografa  le cui opere  sono state esposte nel corridoio del dipartimento DSPSC (ex-lettere) dell’Università degli Studi di Salerno a partire dal 21 Novembre e dove rimarranno  fino al 1 Dicembre 2016.

Maria Novella riesce, attraverso le immagini, a far emergere  lo spirito della popolazione curda durante l’assedio dell’ISIS. Per far ciò si  è introdotta clandestinamente in Siria, zona Kurdistan, e ha fotografato l’unico forno rimasto aperto per fornire gratuitamente pane alla popolazione provata dalla guerra.

Attraverso i suoi scatti narra le vicende di Alì Jab, uno degli operai più anziani che non ha abbandonato la città durante il suo periodo più cupo garantendo pane per tutti grazie al suo incessante lavoro. Le scuole sono ancora chiuse e operai più giovani come Jamal e Sadik vengono immortalati nell’enormi stanze del forno illuminate dalla luce bianca dei lucernai. Hanno gli occhi seri e guardinghi di chi sente che il proprio apporto è importante tanto quanto quello degli adulti. In altre fotografie  morbidi dischi di pane si allineano sui nastri trasportatori e si ordinano in pile sui carrelli,  imbustati e pronti per sfamare 370 villaggi della provincia. Altre foto mostrano il cantiere, quando il forno è stato costruito nel 1980 sotto il regime di Hafiz Al Assad, ma anche le abitudini del popolo curdo  come mostra la fotografia che rappresenta  teiere fumanti piene di cay (bevanda popolare servita in tipici bicchieri di vetro) accanto al pane appena sfornato.

L’iniziativa fa parte di un più ampio percorso di sensibilizzazione sulla tematica, a cura del CollettivoOnda che raggruppa studenti e studentesse di sociologia per condividere un sapere che va oltre le lezioni in aula.

In programma, oltre alla Mostra fotografica – Il pane di Kobane, giovedì 1 dicembre il fumettista Zerocalcare sarà ospite dell’evento – Not Friends But Mountains // ZeroCalcare @UniSa

 Pizzarelli Letizia