Io ho un’amica dai capelli ricci

26 ottobre 2012 di

Io ho un’ amica dai capelli ricci. Capita, ogni tanto, quando sono con lei, tra una chiacchiera e l’altra, di fermarci a fissare ingenuamente malcapitati nel nostro raggio visivo e osservare con grande e acuto spirito critico il modo di abbigliarsi, deducendone caratteri, abitudini, comportamenti, percorsi di studio.

“Questo studia filosofia”\“No, secondo me è un ingegnere”\ “Ma ha la T-shirt bianca sotto la camicia, dev’essere di lettere!”

E così via. Finché non passa più nessuno.

Quest’attività potrebbe risultare all’apparenza inutile e forse lo è.

Però ammettiamolo. Sono due i sensi che entrano per primi in azione al contatto con una persona: l’olfatto e la vista. Siamo tutti (tutti?) schiavi delle industrie saponiere e del sistema moda.

Inutile cari io-non-seguo-la-moda-mi-vesto-come-capita, anche voi, a vostra insaputa, siete legati al mercato del fashion sistem. Anzi, a dirla tutta, siete più consapevoli del vostro abito di tante fashion\logo victim.

Basta con questa storia dell’ “in” e dell'”out”. Sono solo chiacchiere. Nessuna tendenza. Nessuna regola. L’abito è una casa (non a caso, si abita, la casa). Bisogna sentirsi a proprio agio, nei propri panni, per vivere bene. Viva le gonne lunghe, mini, al ginocchio. Viva i pantaloni high waist, a palazzo, alla turca… Più che moda, modo.

Se l’uomo ha sempre vestito se stesso è perché sentiva l’esigenza di coprire le sue nudità (Eva non lo sapeva mica, lei e la sua fogliolina, che dopo la mela sarebbero arrivati i matrimoni con conseguente tacco dodici moltiplicato per dodici ore) eppure, andando oltre l’innato senso del pudore, dai primordi ha fatto dell’abbigliamento un codice, un linguaggio. Mi piace osservare la gente, ascoltare la sua moda, decifrare il suo “modus”.

Non c’è uomo al mondo, qualsiasi sia la cultura, la nazionalità, la provenienza, la tradizione che non senta l’esigenza di mostrare con il suo corpo quello che ha nello spirito. Burqa, hijab, chador…ma poi? Sotto c’è quello che sei.

“Ma come si è vestita quella? Sicuramente, ha studiato moda.”

Ragazza di ritorno dalla spesa per le vie de Il Cairo – Foto di Ed Yourdon, Flickr


Edna

Articoli Simili

Condividi