Scientology, going Clear

23 luglio 2015 di

Il documentario “Going Clear”, prodotto dalla Hbo, spiega in che modo il carisma e l’influenza di L. Ron Hubbard (uno scrittore di fantascienza), combinati con il desiderio di autodeterminazione e giustizia sociale degli statunitensi, abbiano contribuito allo sviluppo di un’organizzazione tanto pericolosa quanto ricca.

Scientology_2460585b

Scientology, nata nel 1954, si definisce la religione di chi ha a cuore la fusione tra credibilità della scienza e saggezza della fede (già dal nome “scio + logos”, latino + greco, “lo studio del conoscere”).
Lo slogan è “Non solo domande, ma risposte” attinte dalla matematica, dalla fisica nucleare e, senz’altro, anche dalla psicologia, ma completamente ostili alla psichiatria.

L’impressione che da, guardando tutti i vari video in cui si analizzano il corpo e la mente, è di un gruppo di sostegno per chi ha scarsa autostima o per chi vuole dare il massimo nella vita, ma si sente limitato a causa di condizioni economiche o fisiche.

Dianetics: dal greco dia, ovvero attraverso, e nous, anima, rappresenta uno dei principi fondamentali di questo credo.

Osservando attentamente la cartina con le filiali sparse nel mondo, si può constatare che, questo fenomeno, risulta così distante da noi meridionali, poiché la Chiesa di Scientology (nome scelto per la definizione italiana) più vicina si trova a Roma. Tutte le altre chiese italiane si trovano sulla costa Adriatica e quella più a nord è a Bologna.

01-Golden-Age-of-Tech-II-Event-Hall-Alt-RC32667Viene definita come la religione più costosa della Terra: in Scientology esistono precisi listini per qualsiasi prodotto (libri, audiocassette, ecc.) o servizio (auditing, corso, ecc.) proposto dall’organizzazione. Dai “listini delle donazioni obbligatorie” interni si può quantificare in circa 25.000 euro il costo complessivo per raggiungere lo “stato di Clear“, e in circa 250.000 euro quello per l’ottenimento del livello di OT VIII, il più alto attualmente a disposizione.

I governi di Svizzera, Germania e Belgio definiscono ufficialmente Scientology come un culto totalitario. In Francia, un documento parlamentare ha classificato l’organizzazione come un culto pericoloso; in Gran Bretagna, Scientology non raggiunge gli standard legali per essere considerata una religione. In Grecia un’inchiesta partita nel 1995 ha portato alla condanna in tribunale e conseguente smantellamento dell’organizzazione avvenuto nel gennaio 1997. Lo status di Scientology continua ad essere fonte di controversie in molti paesi nel mondo e Scientology stessa tende a presentarsi come religione o negando di esserla a seconda delle norme vigenti nel Paese. Lo stesso Parlamento europeo nel 1997 si è occupato del fenomeno settario in Europa: nella relazione viene più volte citata Scientology come esempio di setta.tom_cruise_scientology

Moltissimi artisti negli anni vi hanno aderito: Tom Cruise (ma non le sue compagne di vita), John Travolta, gli italiani Roby Facchinetti e Luca Jurman. Il filosofo William S. Burroughs, un tempo sostenitore del movimento, oggi definisce gli scritti come “apertamente fascisti“. Tra le maggiori accuse subite ritroviamo: spionaggio, estorsione, frode, omicidio, segregazione. Il caso più eclatante riguardo la morte di Lisa McPherson, una Clear (grado più alto di liberazione raggiunto, “ripulita”), avvenuta nel 1995. Bisogna far luce sulle organizzazioni esoteriche e conoscerle a fondo, per poter formulare un’opinione in merito. Un allontanamento anche da parte di Tom Cruise è stata la causa scatenante che ha risvegliato l’attenzione mediatica.

Sara C. Santoriello